martedì 24 ottobre 2017

pc 24 ottobre - nel quadro della celebrazione dell'ottobre - iniziative in tutta italia sulla questione di Stalin - dal punto di vista dei marxisti-leninisti-maoisti


pc 24 ottobre - lo sciopero del 27 ottobre nella sanità a Milano

Alle/i Lavoratrici/ri sia dipendenti che degli appalti -ristorazione, pulizie- dell’Istituto Tumori
Venerdì 27 ottobre Sciopero generale nazionale di tutti i settori pubblici e privati per l’intera giornata. Manifestazione a Milano ore 10 Largo Cairoli
Lo Slai Cobas sc aderisce e invita a partecipare
Scioperiamo tutti contro le politiche del governo Gentiloni/Lorenzin che attaccano le nostre condizioni di lavoro e di vita
Contro le politiche dei tagli che scaricano la Crisi sulle masse popolari, tagli dei posti di lavoro-aumento dei ritmi, al limite dello schiavismo-peggiora l’assistenza-incentiva la guerra tra poveri-aumento di patologie invalidanti
Contro la privatizzazione e degli appalti a perdere, che consegna nelle mani delle cooperative/multinazionali dei farmaci/malaffare la sanità e incentiva la divisione tra lavoratori
Contro il Jobs Act che rende precari tutti i lavoratori
Contro il blocco del contratto nazionale che ha portato i nostri salari a livello da fame, mentre aumentano le spese militari per fare le guerre ai popoli e ai migranti che fuggono dalla devastazione dei governi imperialisti
Contro il decreto Madia che criminalizza/lede la dignità dei lavoratori e lascia mano libera al dispotismo delle Aziende
Contro la “Commercializzazione della salute” della Regione, come le delibere n° 6164 e n° 6551, che cancella il diritto alla cura per i malati cronici; quando sempre più molti malati “rinunciano” alle cure per gli alti costi e i tagli del governo
Contro le continue riforme delle pensioni che costringono i lavoratori a lavorare sino a 67 anni e oltre, in condizioni fisiche e mentali più simili a condizioni da malati che da prestatori di assistenza
Contro i sindacati confederali collusi col governo e padroni
E’ ora di dire basta, lottare, organizzarsi
Per l’internalizzazione dei servizi
Per l’unità di tutti i lavoratori contro razzismo e guerra tra poveri
Per la Salute e Sicurezza
Per nuove assunzioni
Per un rinnovo del contratto che ci faccia recuperare quanto ci hanno rubato dal 2008 a oggi
Per costruire un coordinamento tra lavoratori, malati e loro familiari, e combattere la logica da fabbrica a cui hanno condotto la sanità
Per un sindacato di classe basato sui COBAS e in mano ai lavoratori

Slai Cobas “INT” per il sindacato di classe cobasint@tiscali.it; cell. 338-7211377

pc 24 ottobre - Si fermano anche i ferrovieri il 27 ottobre

SCIOPERO GENERALE, TRENI FERMI 26 E 27 OTTOBRE 2017


 I FERROVIERI DEGLI EQUIPAGGI E I TURNISTI, SCIOPERANO
  ASSIEME A TUTTI I LAVORATORI ITALIANI

TRENI FERMI
DALLE 21,00 DI GIOVEDÌ 26,
ALLE 21 DI VENERDÌ 27 OTTOBRE 2017

GLI ADDETTI A TURNI FISSI ADERISCONO ALLA PROTESTA
SCIOPERANDO PER L'INTERA GIORNATA DEL 27 OTTOBRE


LO SCIOPERO È STATO INDETTO DAI SINDACATI
 DI BASE, PER
TUTTE LE IMPRESE FERROVIARIE, SIA MERCI CHE VIAGGIATORI.

 I MOTIVI PER PROTESTARE CONTRO GOVERNO E AZIENDE, CON LO
STRUMENTO DELLO SCIOPERO GENERALE, NON MANCANO DI SICURO

 ANZI, NEL TEMPO SI SONO ACCUMULATE UNA SERIE ENORME DI QUESTIONI IRRISOLTE

NESSUN LAVORATORE PUÒ OGGI PENSARE CHE SIA POSSIBILE RISOLVERE I PROBLEMI SPECIFICI
DI UNA CATEGORIA, COMPRESI QUELLI DEL NOSTRO SETTORE FERROVIARIO, SENZA AFFRONTARE
E CONTRASTARE LE SCELTE DI POLITICA ECONOMICA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

IN SINTESI LE RAGIONI DELLO SCIOPERO  SONO LE SEGUENTI:

1) PRIVATIZZAZIONE DEL COMPARTO FERROVIARIO

2) RINNOVO CCNL ATTIVITÀ FERROVIARIE/MOBILITÀ E CONTRATTI AZIENDALI

3) SICUREZZA SUL LAVORO E DELLE LAVORAZIONI

4) RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI “A PIOGGIA” IN FSI E REINTEGRO FERROVIERI LICENZIATI

5) RINNOVO RSU E “TESTO UNICO SU RAPPRESENTANZA”, LIBERTA’ DELL’AZIONE SINDACALE

6) LEGGE FORNERO E ATTUALE INIQUO REGIME PENSIONISTICO

7) SITUAZIONE INDUSTRIALE TRENORD E NTV

8) TUTELA DEL SERVIZIO PUBBLICO SU FERRO

pc 24 ottobre - Quando i lavoratori lottano tutto il mondo è paese... il paese del capitale

Due dirigenti sindacali e cinque addette alle pulizie sono in sciopero della fame contro miseri stipendi nelle scuole dell'isola di Mauritius.

Due dirigenti sindacali e cinque addetti alle pulizie sono in sciopero della fame contro lo stipendio povero delle scuole nelle Mauritius. I salari bassi di 43 dollari al mese e l'occupazione precaria tramite ditte appaltatrici  di 333 donne addette alla pulizia nelle scuole elementari e secondarie gestite dal Governo delle Mauritius, hanno indotto la Confédération des Travailleurs du Secteur Publique e Privé, il presidente Reeaz Chutto e il segretario generale Jane Ragoo e cinque donne addette alle pulizie a iniziare il 13 ottobre lo sciopero della fame.

Hanno chiesto la nostra solidarietà, e l'organizzazione sindacale regionale africana della Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC Africa) ha lanciato una campagna ospitata da Labour Start.

Per favore dedicate un momento a dimostrare il vostro sostegno a questi sindacalisti coraggiosi:

https://www.labourstartcampaigns.net/show_campaign.cgi?c=3610

E, per favore, condividete il presente messaggio con i vostri amici, familiari  e colleghi del sindacato.



Eric Lee

lunedì 23 ottobre 2017

pc 23 ottobre - Corrispondenze dalla Tunisia - Sabato 21 Ottobre manifestazione del Comitato tunisino per la liberazione di Georges Ibrahim Abdallah gemellata con la manifestazione in Francia lo stesso giorno

Da Tunisie Resistant

Ce visage hideux de la France…..الوجه البشع لفرنسا
وقفة احتجاجية أمام سفارة فرنسا بتونس للمطالبة باطلاق سراح جورج ابراهيم عبد الله
يقبع جورج ابراهيم عبد الله في السجون الفرنسية منذ 34 سنة ، و هو بذلك أحد اقدم المساجين السياسيين في أوروبا. و قد أصبح منذ رفض السطات التنفيذية الفرنسية تنفيذ الفرار القضائي باخلاء سبيله ، محتجزا لدى الدولة الفرنسية نزولا عند املاءات الولايات المتحدة الامريكية و الكيان الصهيوني ..
الحملات الدولية من اجل حرية جورج ابراهيم عبد الله لم تتوقف . و التضامن معه و مع قضيته ينمو و يتعزّز رغم أنف اعداء الحرية و حق الشعوب في تقرير المصير. 3 مدن فرنسية أسندت بلدياتها التقدمية صفة المواطن الشرفي لجورج سنتي 2012 و 2013 . كما تحصل سنة 2014 على جائزة “فرانز فانون ” الدولية.
احتجاز المناضل الاممي جورج ابراهيم عبد الله يكشف الوجه البشع لفرنسا التي تدّعي ريادة حقوق الانسان و الديمقرطية و تعطي الدروس فيها لبقية العالم ، في حين أنها فيما يتعلق بقضيته ، لا تحترم أبسط مقدمات الديمقراطية و هي الفصل بين السلط من خلال رفض السلطة التنفيذية فيها استقلال و فرارات السلطة القضائية و تدخلها السافر فيها.
المجد للمقاوم جورج ابراهيم عبد الله و لكل المقاومين من أجل الحرية لفلسطين و لكل شعوب العالم.
George Ibrahim Abdullah est détenu dans les prisons françaises depuis 34 ans , et de ce fait est l’un des plus anciens prisonniers politiques d’Europe. Depuis le refus des autorités françaises d’accepter sa libération prononcée par les tribunaux français , Georges n’est plus un détenu , mais un otage de l’Etat français qui se soumet au diktat des Etats-Unis et de l’entité sioniste.
Les campagnes internationales pour la liberté de George Ibrahim Abdallah n’ont pas cessé. La solidarité avec lui et avec sa cause grandit et se renforce malgré les basses manœuvres des ennemis de la liberté et des droits des peuples à l’autodétermination.Lesmunicipalités progressistes de 3 villes françaises l’ont nommé en 2012 et 2013, citoyen d’honneur . En 2014, il a reçu le prix international “Franz Fanon”
La prise en otage du militant internationaliste George Ibrahim Abdellah révèle le visage hideux de la France, qui se prétend championne du combat pour les droits humains et la démocratie et qui ne cesse de donner à cet égard des leçons au reste du monde sans pour autant respecter un principe aussi simple que la séparation des pouvoirs , par l’immixtion flagrante. du pouvoir exécutif dans les prérogatives du pouvoir judiciaire .
Gloire au résistant Georges Ibrahim Abdallah et à tous les militants luttant pour le droit à l’émancipation du peuple palestinien et des peuples du monde entier.

pc 23 ottobre - 130° anniversario della nascita di John Reed - l'indimenticabile autore di "I 10 giorni che sconvolsero il mondo"

L'onore di Lenin e Nadia Krupskaia 

PREFAZIONE DI LENIN PER L’EDIZIONE AMERICANA
Ho letto con immenso interesse e con costante attenzione da capo a fondo il libro di John Reed I dieci giorni che sconvolsero il mondo. Lo raccomando vivamente agli operai di tutti i paesi. Vorrei che quest’opera fosse diffusa in milioni di esemplari e fosse tradotta in tutte le lingue perché essa dà un quadro esatto e straordinariamente vivo di fatti che hanno tanta importanza per comprendere la rivoluzione proletaria, la dittatura del proletariato. Tali questioni sono oggi assai discusse, ma, prima di accettare o di respingere le idee che esse rappresentano, è indispensabile comprendere tutto il valore della decisione che si prenderà. Senza alcun dubbio il libro di John Reed aiuterà a illuminare questo problema fondamentale del movimento operaio mondiale.
N. Lenin.

PREFAZIONE DELLA KRUPSKAIA PER L’EDIZIONE RUSSA
Dieci giorni che sconvolsero il mondo, tale è il titolo che John Reed ha dato alla sua stupefacente opera. Questo libro descrive con un’intensità ed un vigore straordinari le prime giornate della Rivoluzione d’Ottobre. Non abbiamo in esso una semplice enumerazione di fatti, una raccolta di

pc 23 ottobre - Il referendum reazionario porta a casa un risultato parziale - necessaria riflessione e lotta

    La collaborazione di Pd e Cinque Stelle abbastanza decisiva e significativa


L’affluenza in Veneto è stata decisamente importante (57,2%) e dà la misura della devastazione politica di una grande regione ...In Lombardia è stata o più bassa – meno del 40%, 
La miseria reazionaria del “progetto” leghista era  evidente, ma il presidente regionale Luca Zaia ha voluto precisarla solo ad urne chiuse: “Noi chiediamo tutte le 23 materie (“contendibili” ai sensi della riforma costituzionale stolidamente voluta dal Pd quasi venti anni fa, ndr), e i nove decimi delle tasse”.
 I leghisti vogliono solo gestire un po’ più di fondi pubblici per gli interessi propri e di alcuni strati sociali di riferimento (le imprese, in sostanza), continuando a pretendere tutti i vantaggi che lo Stato unitario garantisce loro. 
....Metter mani su una quota delle tasse diventa perciò il modo più semplice di ridurre i costi e conformare il territorio intorno ai bisogni dell’impresa (infrastrutture, ecc). Alla popolazione fatta di lavoratori dipendenti, pensionati, disoccupati, ecc, si promette la solita favola del “siamo tutti nella stessa barca”, da cui dovrebbe derivare maggior benessere se le cose andranno meglio per le imprese. Come nemici bastano “Roma ladrona” e i migranti, come se nel lombardo-veneto la corruzione e la presenza mafiosa fossero innocue macchie sulla pelle, invece che parti integranti della struttura di potere locale.... avallarla, facendola propria  PD e grillini  hanno così dimostrato, di essere perfettamente allineati su una linea profondamente reazionaria...

(brevi stralci da un articolo di contropiano)

pc 23 ottobre - Alternanza scuola lavoro: Sfruttamento, ignoranza e sottomissione al profitto


Incidenti, abusi, sfruttamento: questo è quanto incontrano gli studenti e le studentesse nei luoghi di lavoro.
Il 13 ottobre gli studenti scendono in piazza contro l’Alternanza Scuola-Lavoro (ASL) fulcro della svendita dell’istruzione pubblica e della sua definitiva trasformazione nella scuola dei “padroni” dove i figli dei lavoratori devono essere “allenati” ad obbedire, ad adeguarsi alle necessità delle imprese (pubbliche o private che siano).
Il 27 ottobre sarà Sciopero Generale di tutti i lavoratori e lavoratrici, per il diritto al lavoro e alle

pc 23 ottobre - Almaviva, la beffa continua

Non vi daremo tregua, finché non avremo imposto un nuovo modello di sviluppo per le donne e gli uomini, non per il profitto”. Ѐ la promessa scritta a suggellare il comunicato del Clu (coordinamento lotte unite). Una promessa che ha tutta l’aria di essere perentoria e determinata, dopo il presidio di centinaia di lavoratori (Sky, Almaviva, Alitalia, scuole, ospedali ecc.) sotto il Mise il 17 ottobre, in contemporanea al tavolo per Roma. Grandi assenti all’incontro il ministro Calenda e la sindaca Raggi, nonostante l’invito a partecipare, da parte degli interessati alle vertenze lavorative. Neanche una risposta, neanche un rifiuto, solo indifferenza di fronte ai problemi sollevati dai lavoratori, mentre ci si aspetta da tempo una precisa risposta sulle vertenze in atto.

Il Clu protesta contro i tagli ai servizi pubblici, i licenziamenti, l’abbattimento dei salari e contro l’inqualificabile alternanza scuola lavoro che dequalifica la scuola sfruttando persino gli studenti,

pc 23 ottobre - Elezioni regionali in Sicilia del 5 novembre: tra indagati, arrestati e impresentabili… l’unico “voto utile” è quello che non si dà!

Questa campagna elettorale è contraddistinta da candidati alla presidenza della Regione che sono alla ricerca disperata di voti, per aggrapparsi per i prossimi cinque anni ad una poltrona che vale centinaia di migliaia di euro (circa 300mila all’anno solo lo stipendio del presidente!), e che inseguiti dallo spettro dell’astensione che si preannuncia record, fanno appello al “voto utile”. Utile per chi? Naturalmente per sé e i propri sostenitori e parenti (e ce ne sono tanti)!

Ma dovrebbe essere una vergogna chiedere di dare un “voto utile”, cioè di essere votati solo perché non c’è alternativa! Nella sostanza tutti i candidati dicono “Vota me perché l’altro fa schifo”! o sarebbe meglio dire “Vota me perché io faccio meno schifo degli altri”? è chiarissimo che in ogni caso sempre di schifo si parla!

Schifo, perché sono costretti a dire che nelle loro liste non ci sono indagati, condannati, impresentabili, ecc. ecc. o giustificarsi costantemente dicendo che se ci sono non è colpa loro! E tra l’inchiesta della Commissione antimafia per verificare la “candidabilità” dei concorrenti, e la richiesta dell’intervento dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) per vigilare sulla regolarità del voto - per il pericolo del voto inquinato dalle facce, per il pericolo di

pc 23 ottobre - Palermo verso lo sciopero del 27 -

SCIOPERIAMO TUTTI E TUTTE IL 27 OTTOBRE CONTRO GLI ATTACCHI DEL GOVERNO GENTILONI-FEDELI DELLA "BUONA SCUOLA" ALLA NOSTRA CONDIZIONE DI LAVORO E DI VITA!
NO ALLA GUERRA TRA POVERI CHE  IL GOVERNO GENTILONI/FEDELI  SCATENA TRA GLI ASSISTENTI IGIENICO-PERSONALE PRECARI E I COLLABORATORI

pc 23 ottobre - Chi ha ucciso Santiago Maldonado? - United dolors of Benetton


Benetton
Scritto da Antonello Mangano
Il vero volto della multinazionale di Treviso. Viaggio dal Veneto alla Sicilia, con epilogo in Patagonia.

Indice
BENETTON PER IL VENETO, IL VENETO PER BENETTON 

Subfornitori in provincia di Treviso Benetton, imprenditore politico
“Ci hanno incoraggiati a metterci in proprio…”
La costruzione sociale del mercato.
Arcaica e modernissima
Costi ridotti, profitti altissimi
“Quando ho iniziato…”
LO SFRUTTAMENTO IN SICILIA

Bronte, l’altra faccia del “made in Italy”Viaggio in un distretto industriale del Sud del mondo
“Questa è una persona molto pericolosa…”
La libera impresa (coi soldi dello Stato) e l’imbroglio del mercato
Chi ispeziona gli ispettori?
Formula uno. Le relazioni pericolose
Benetton investe in Sicilia
Il lavoro sui Nebrodi
LO SFRUTTAMENTO IN ARGENTINA

Un particolare insignificanteProhibido pasar
“Como proteger nuestra Patagonia”
La Patagonia alambrata
Mercato mondiale contro economia locale
Marici weu! Marici weu!
Scontro di culture
Impatto ambientale
El dueño Luciano
CONCLUSIONI: BENETTON FORMULA

“Due volte il Belgio” Ossa e cadaveri per vendere magliette
Le foto di Toscani
Los colores unidos de la explotaciòn
La legge della giungla
Riferimenti bibliografici
“Noi vogliamo la nostra vita differenziata e degna”
(da un comunicato Mapuche)

Capitolo uno
 BENETTON PER IL VENETO, IL VENETO PER BENETTON

“Per le feste di Natale […] arrivano ceste e regali.
Ho visto perfino un artigiano che regalava un collier d’oro:
del resto da loro dipende tutto.
Decidono se darti lavoro o meno”.

La presenza in provincia di Treviso di un impresa come Benetton che dell’organizzazione produttiva basata sul ciclo della subfornitura artigiana, definita imprecisamente a rete, ha fatto un modello mondiale, ha segnato profondamente lo sviluppo produttivo locale. Secondo stime del Crei le imprese

pc 23 ottobre - Vino doc e olio d’oliva. Il sangue dei migranti nei campi di Trapani - un reportage denuncia da far circolare

Trapani

Scritto da Antonello Mangano
I vini di Alcamo, le olive di Campobello. Dietro i prodotti d’eccellenza della provincia di Trapani ci sono ancora le storie estreme di chi dorme in piazza o in una baracca di cartone. E lotta per pochi euro al giorno
Uno taglia a cubetti l’agnello, l’altro prepara la padella, il terzo accende il fornello da campo. Il tè

pc 23 ottobre - No sfruttamento, no schiavismo - Alessandria

Mercoledì 25 ottobre ore 9,00 appuntamento per tutti davanti al Tribunale di Alessandria per un Presidio di Solidarietà con sindacalisti e braccianti denunciati dai padroni Lazzaro di Castelnuovo Scrivia, nel 2012, in occasione delle lotte organizzate dai braccianti marocchini per il pagamento dei salari e per il riconoscimento di condizioni di lavoro dignitose.

domenica 22 ottobre 2017

pc 22 ottobre - Napoli contro il G7 e contro Minniti - una manifestazione non all'altezza delle necessità per linea e partecipazione

Un migliaio circa in corteo. Migranti come la rumena Veronica – “Dieci anni fa, quando arrivai a Napoli, era diverso, ma oggi stento a vivere facendo le pulizie” – e Mama, quarantenne senegalese , in Italia da 15 anni. Ancora: attivisti dell’ex Opg occupato, esponenti del comitato per il diritto all’abitare, studenti, sindacalisti dell’Usb ed altre realtà. Sfila anche Alex Zanotelli, il comboniano da anni in prima fila al fianco degli ultimi. Apre lo striscione: “No G7, per un mondo senza confini”.

pc 22 ottobre - Sull'India - intervista al Comitato di sostegno alla guerra popolare in India - India Vermelha Galizia

traduzione ufficiosa

1. Che cosa è "India Vermella"?
India Vermella un sito di informazio del Comitato Galiziano di Sostegno alla Guerra Popolare in India, con cui cerchiamo di far raggiungere ai nostri lettori la realtà della lotta rivoluzionaria che guida la PCI (Maoista).

2. Perché solidarietà con la rivoluzione Naxalita?
La Rivoluzione in India è una parte importante della rivoluzione proletaria mondiale, lungo il cammino della guerra popolare di lunga durata tracciata dal compagno Charu Mazundar applicando il marxismo-leninismo-maoismo. Ciò rende doveroso per i comunisti sostenere e sostenere questa lotta.
"Il tuono di primavera" di Naxalbari, come lo chiamò "Radio Pechino" risuonò in tutto il subcontinente indiano, rompendo con la linea revisionista della convivenza pacifica che i traditori imputavano al leninismo. Naxalbari è erede diretto della via della Grande Rivoluzione Culturale Proletaria guidata dal Presidente Mao. Oggi resta una chiara linea di demarcazione che separa i veri comunisti dagli opportunisti, per quanto questi cerchino di nascondersi dietro false bandiere rosse. Nello Stato spagnolo abbiamo l’esempio del cosiddetto Partito Comunista dei Popoli di Spagna, i cui

pc 22 ottobre - Con la Palestina - con la controinformazione!



I documenti inseriti in questa settimana

21 Ottobre 2017
Israele e AP chiedono unità senza resistenza
=====================================================

Il Kansas non mi permette di formare insegnanti di matematica perché boicotto Israele
di Esther Koontz
________________________________________________________________
20 Ottobre 2017
Intervista a Jeff Halper: «Guerre contro i popoli: il modello è Israele»
di Chiara Cruciati
=====================================================
Che cosa c’è dietro la riconciliazione tra Hamas e Fatah?
di Ramzy Baroud
________________________________________________________________
19 Ottobre 2017
Israele: “Non negoziamo se Hamas non viene disarmato”
di Roberto Prinzi
=====================================================

=====================================================
============
18 mucche ricercate dall’esercito
Dal 26 al 30 ottobre a Salerno, Napoli e Roma
il film di Amer Shomali per la rassegna “Femminile Palestinese”
________________________________________________________________
18 Ottobre 2017
Scatta l’emergenza alimentare e idrica a Gaza
di Cinzia Palmacci
=====================================================
Esercito israeliano chiude sedi media palestinesi
=====================================================
Con la stagione della raccolta delle olive aumentano le aggressioni israeliane
=====================================================
La delusione dei palestinesi. Non si riapre il valico di Rafah
________________________________________________________________
17 Ottobre 2017
Fatah-Hamas. «Riconciliazione a metà, accordo solo sul governo di Gaza»
di Michele Giorgio
=====================================================
America e Israele contro il mondo
di Gideon Levy
________________________________________________________________
16 Ottobre 2017
La colonizzazione nel 2017 più di quattro volte superiore che nel 2016
=====================================================
Israele prepara uscita dall’UNESCO dopo decisione USA
=====================================================
La UALC (Unione Americana delle Libertà Civili) cita in giudizio lo stato del Kansas
per il disegno di legge contro i boicottaggi di Israele
di Amir Tibon
________________________________________________________________
15 Ottobre 2017
Fatah-Hamas, l’eterno incontro senza vie d’uscita
di Ugo Giannangeli
=====================================================
212 Palestinesi morti nelle carceri israeliane dal 1967
=====================================================
                                              

pc 22 ottobre - Nel Parlamento italiano vi sono dei personaggi che sono pura feccia, persone incivili e stupide e che quindi partoriscono una interrogazione come quella che ci hanno segnalato

EDRIGA, ALLASIA, ATTAGUILE, BORGHESI, BOSSI, BUSIN, CAPARINI, CASTIELLO, GIANCARLO GIORGETTI, GRIMOLDI, GUIDESI, INVERNIZZI, MOLTENI, PAGANO, PICCHI, GIANLUCA PINI, RONDINI, SALTAMARTINI e SIMONETTI. –

Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. – Per sapere –

premesso che:   nei giorni scorsi in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione oltre 4.500 docenti sono entrati in classe con un nastrino tricolore sugli abiti;   850 professori si sono lanciati in uno sciopero della fame e molti di loro hanno realizzato attività con gli alunni per «parlare di migranti, profughi» e del «senso della proposta dello ius soli»;   secondo

pc 22 ottobre - Il riformismo serve la reazione e l'anticomunismo genera mostri....ciattoli - Bertinotti

Un giudizio e una denuncia

LA PAROLA "SINISTRA" GLI FA SCHIFO, MA I SOLDI CHE RICAVA DALLA SUA RIVISTA SUL "SOCIALISMO" EVIDENTEMENTE NO
Pagina undici del Manifesto di sabato ventuno ottobre riporta – di spalla, per la rubrica “Riviste” – un pezzo non firmato dal titolo: «Il nuovo numero di “Alternative per il socialismo”».
Si tratta della quarantaseiesima uscita, dal titolo «Cent’anni dopo», del bimestrale fondato e diretto da una delle più grandi sciagure che hanno colpito la “sinistra” italiana: in-Fausto Bertinotti.
Come si può facilmente dedurre, si tratta di un fascicolo dedicato alla Rivoluzione d’Ottobre, oltre al tema del lavoro declinato in molti modi attraverso, tra gli altri, dei saggi di personaggi del calibro di Mario Agostinelli e Gianni Rinaldini.
Chi scrive non solo non ha mai avuto il fegato di leggere nulla di quanto contenuto nella rivista, e ne fa volentierissimo a meno, ma neppure era a conoscenza del fatto che essa esistesse ancora.
Immaginavo che l’essere che si era permesso di dare per “definitivamente morta” la sinistra,  di definire “indicibile” la parola “comunismo”, e di sentirsi a casa propria all’incontro annuale di Rimini di Comunione e Liberazione, avesse almeno avuto il pudore di smettere di parlare di cose a lui totalmente estranee.
Evidentemente la parola “sinistra” gli farà anche schifo, ma i soldi che gli derivano dalle vendite – sia online sia dell’edizione cartacea – di un prodotto che si richiama al “socialismo” li gradisce eccome!
Bosio (Al), 22 ottobre 2017
Stefano Ghio - Proletari Comunisti Alessandria/Genova

pc 22 ottobre - Un documento dei compagni maoisti francesi a difesa della vita del Presidente Gonzalo - leader della rivoluzione peruviana

traduzione ufficiosa  

Difendere la vita del presidente Gonzalo significa difendere il Maoismo!

Nel giorno del 25° anniversario dell'arresto del Presidente Gonzalo del Partito Comunista del Perù, dirigente della guerra popolare di lunga durata in Perù, l’OCML-VP ha deciso di pubblicare una lunga dichiarazione presentando il presidente Gonzalo come un liquidazionista. Questo articolo è intitolato "Sulla guerra popolare in Perù, il tradimento della leadership del PCP e la capitolazione del presidente Gonzalo", si scoprono subito le carte.
L'essenza di questo comunicato è il seguente:
- Dopo il suo arresto, il presidente Gonzalo avrebbe capitolato e collaborato con il nemico più o meno direttamente per porre fine alla guerra popolare e arrivare ad accordi di pace.
- Il Presidente Gonzalo è in piena collaborazione con la Linea di Opportunità di Destra (LOD) rappresentata da MOVADEF
- La guerra popolare in Perù sarebbe fallita a causa del "culto della personalità" attorno al presidente Gonzalo
Vedremo come questo comunicato, lungi dall'essere una critica del Partito comunista del Perù e della sua esperienza, appare al contrario come un attacco completo su tutta la linea contro il Maoismo. Questo comunicato è il risultato di una linea ideologica e politica fondamentalmente errata sulla base di una grande deformazione del maoismo, il risultato è che l'OCML VP viene a prendere una posizione a favore delle linee opportuniste di destra e "sinistra" in Perù, una posizione internazionale che naturalmente si riflette nella loro pratica a livello locale.

Critica o attacco?
La guerra popolare prolungata (GPP) è stata lanciata in Perù nel 1980 dal Partito comunista del Perù